Access Denied

You do not have permissions to access this page.

Latest Posts Comments Articles
    • Sharing a locker room with a transgender (Last post by Garrat)
    • If one is searching other bodies for details, then they themselves dont know their way. not looking is respect, respect beacuse "why U looking so hard, you tripping" tripping becasue U aint in reality.
    • Become a Jedi - Italian Version (Diventare uno Jed... (Last post by Malmu89)
    • Traduzione e adattamento della pagina: www.templeofthejediorder.org/ordermembership DIVENTARE UNO JEDI Diventare un membro del sito non è la stessa cosa che diventare un membro del Tempio Jedi. Un utente registrato sul sito web è considerato un "ospite" fino a quando non diventa un membro. Un membro o "Membro del Tempio" è uno Jedi legalmente riconosciuto dal Tempio dello Jedi. Gli Jedi soddisfano i seguenti criteri: • Uno Jedi crede nella Forza. La forza risiede dentro di voi, vi circonda e scorre attraverso di voi; • Uno Jedi accetta i nostri insegnamenti e la nostra Dottrina che servono come guida spirituale per lo Jedi. Si può credere anche ad altre convinzioni spirituali (religioni) oltre a essere uno Jedi; • Uno Jedi ha completato la domanda di adesione. Inoltre consigliamo vivamente di leggere attentamente le FAQ che dovrebbe rispondere ad alcune domande che potreste avere. Se hai tra i tredici (13) e diciotto (18) anni non sei ancora idoneo a essere un membro ufficiale della nostra Chiesa e della comunità. Tuttavia, siccome sei considerato un minore è necessario che leggi le FAQ - Gioventù e seguire le istruzioni in esso indicate. Per diventare un membro dell'Ordine (Membro del Tempio) è necessario completare la domanda di adesione (compilando l'apposito form). La vostra domanda sarà esaminata dal Vice Presidente degli Affari dei Membri e, se necessario, dal Consiglio del TOTJO. E' raro per il nostro ordine rifiutare una richiesta di adesione, tuttavia, il processo di approvazione a volte può richiedere un paio di settimane. Nel frattempo vi consigliamo di presentarvi e di partecipare con discussioni sul forum, dandoci l'opportunità di conoscerti meglio. Puoi iniziare la formazione anche se non abbiamo ancora processato la tua domanda. Nel frattempo che il vostro status nella barra (il disegno sotto il nome) è Guest (Ospite) sarete solo in grado di rispondere ai messaggi nel sub-forum Jedismo. C'è anche un forum aperto a tutti che potete utilizzare in cui TUTTI possono commentare e scrivere discussioni fino a quando la domanda di adesione non sarà approvata e il vostro status nella barra del rango non cambierà in Membro del Tempio.
    • Politics Everywhere? (Last post by Gisteron)
    • With no claim to judge languages globally, of the ones I happen to know by any amount, English seems to be by far and unambiguously both the simplest and the easiest one to learn. It is also the most convenient one since so many speak it and the easiest to use for precise message transmission, with a vocabulary up to three times as big as that of some other contemporary European languages. It is not difficult to say what you mean. It does take effort to find shortcuts without distorting the meaning, I suppose but we can't blame people for misunderstanding our meaning if our words do not or not sufficiently reflect it. As for animal politics, yea, that's totally a thing. Politics is not something human, it is something social, eventhough I wouldn't presume that hive animals like termites or bees spend much of their day reflecting upon politics or political correctness. It would however not surprise me if in your average lion pride or ape tribe some of the more influential individuals were cautious not to offend either their respective leaders or subordinates lest they be replaced in their position or cast out altogether. Our political correctness I suspect might have come from that sort of thing.
    • Rants far and wide (Last post by Cyan Sarden)
    • Quote: Quote: My boss has developed a new hobby: revenge meetings. If someone pi***s her off, she arranges an after-hours meeting and invites the offender's entire work group to it. Then she spends 2 hours shouting at us after which we can go home. I just attended the third one if those in as many weeks. legally she can't keep you after working hours unless you're getting paid to be there...at least not in the u.s. as it violates labor statutes No such thing here in Switzerland - and we can't compensate overtime as this is part of our job assignment as defined in our contracts :-/ In my particular case (I'm a teacher) they can even make us come in on Saturdays. We're paid fairly decently so nobody dares raise the issue with the state administration, but the situation can be taxing on family / private life. I should also say that in most companies here you can compensate overtime, just not in the teaching business.
    • Cultural Appropriation (Last post by Jedi_Roz)
    • Quote: its the financial angle that i find myself aligned with - to be honest its not even an issue of culture to me but the idea that spirituality is not for sale in general its my view that as a general rule, enrichment in spiritual matters is a human practice and should be viewed as something to be shared with anyone who is willing to put in the work of learning and doing i dont support keeping the bible or the vedas closed hidden away so that only one special group gets to benefit but i disagree with charging money for bible study or a meditaton group and using spirituality as a commercial venture that being said, its been commercialism which has made many forms of spirituality available to me so i see a value where some dont the difficulty that you face in the example you give is that even if such a measure were enacted the law only has so much effective power in a situation like this from what i read the payment system they have is formated or languaged as volutary donations to cover cost and on that score i have to say that format of payment is not only legally unassailable but it should remainthat way being able to accept donations at free events is not something youre/we're going to be able to legally change and really thats a good thing because obviously its a good format that works in everyones benefit generally speaking also, training or no training, anybody can start a fire and throw a canvass over a frame if youre ok with protecting the TERM eg no one can call what they do a "traditional sweat lodge" or maybe even just "sweat lodge" without the approval of some native organization which you guys/gals would have to agree on thats legally plausible but it doesnt prevent the actual phenomena of replicating their understanding of the sweat lodge experience and opening it up to voluntary contribution level participation then you have the option of opening up your native practices to outsiders but im guessing there is a vocal portion of your community who feels that thats the problem in the first place - that they are native practices and should not be given away or passed around to anyone who comes a'calling that being said, it would allow you the ability to retain functional control of the rites, as well as create a platform which could be used to educate the public on all sorts of issues facing your communities and culture/s today as well as build relatonships with non natives that are founded on really healthy positive experiences and that elevate the awesomeness of everyone, really but i assume i am not telling you anything you havent already discussed, so at this point i dont know what else to consider or what to suggest or further comment if i am missing some important information in this then please educate me, i am sincere in my desire to help to at least brainstorm to find an acceptable solution Sure. Here goes. Lets say I invite everyone here to a sweat lodge. Open ended. Come as you are. I mean everyone from the Council on down to guests, Knights, Apprentices, etc. I ask for nothing but in the invite I state that the event is a potluck. Bring what you can and if nothing is what you can bring that is fine too. I have given no further details except a place to meet, bring something to pass if able and that's it. My husband and my friends are there as well. My husband tends the fire, my friends gather the stones for the sweat, We have part of the Jedi clergy lead a prayer or two, I make sure every one is comfortable and make sure everyone is drinking water. More people (friends of mine) outside are singing/drumming. We go through a great meditation in the sweat lodge, everyone is comfortable and has a powerful experience. After the ceremony I again make sure everyone has plenty of water, my husband tends the fire, the stone gathers cool the stones and the drumming circle has changed from drums to flute music. We sit around a large bond fire, enjoying the potluck and telling stories. Everyone goes home feeling energized and rejuvenated. Great stuff right? Except one person who thought the whole thing was cheesy and or they could do a better job and probably make money off of it. So they take that one experience, dress up a shack in the back of their property, maybe even put some dream catchers out and wear some seagull feathers and then charge people for a authentic sweat lodge. A disaster later and I find out and get really upset because what I shared was a community event. What that person was doing was looking to make a buck or one hundred. I didn't tell you I had prepared that lodge location weeks in advance, I had a holy man there blessing the grounds. My husband had to go through special rites to be allowed to be a fire keeper. The stone gatherers had to be taught how to use those stones and when to allow the sweat to continue at a slow but steady pace. I had to go through years of training to recognize when people are okay, when they need guidance to keep them grounded or water to drink. The drummers learned songs and rhythms to help people stay focused, aware and not wandering. Afterwards the wood collected has been waiting for a sacred event to burn for it was a grandfather tree that fell down in the winter. The food was all gifted to creator and we shared everything together and to make sure that no one drifted off that flute music continued to keep us grounded as we shared the meal. That is all part of the cultural training. Perhaps I offered this to everyone to help myself become a better spiritual leader. I say this however asking for ANY kind of money (regardless of the bs they state on their website to collect donations) is wrong in Indian Country. Our people take care of each other. In the scenario I described I said bring food if you can, if not that's okay too, there will be plenty for all. There always is. In this scenario this was my gift and my responsibility as the water pourer to make sure this happened safely. All of the details are required to be taken care of by me. Not the people coming to the event. That is the difference between Native philosophy and consumerism. In Indian Country we share the ceremony with the community; in consumerism you are paying to be entertained. Sacred rites are NEVER for sale. They are a gift. If they cannot be treated that way then people do not deserve them nor have the right to perform them. And yes, if I ever held a sweat you all would be welcome. Even the folks across the big ponds. ;)
    • No inner monologue (Last post by Ratcliffe)
    • Ok I am going to own this is a bit of a stream of consciousness now that I have reread what I wrote. What I wonder is if not having words is not freeing. If I am trying to get to the eternal now don't the words link me to the past and my conceptions? I think maybe the baby is closer to the truth than I am because I am all tied up in what I label things. If a baby is hungry they cry until they are fed and then on to whatever is next but if I get hungry I have lengthy discussions about when to eat and where to eat and a myriad of other things instead of just eating.
    • The World (Last post by Vraell)
    • I agree with both anwsers, but i feel we could change something, i dream with a place without corruption with justice... Its difficult today to make good choices, yes the world is alot better than it was thousand years ago or even hundred years ago, but we have much to learn yet.
    • Jedi Community Action Group (Last post by Vagabond)
    • From dicitonary.reference.com: Quote: noun, ( used with a singular or plural verb) 1. the science or art of political government. 2. the practice or profession of conducting political affairs. 3. political affairs: The advocated reforms have become embroiled in politics. 4. political methods or maneuvers: We could not approve of his politics in winning passage of the bill. 5. political principles or opinions: We avoided discussion of religion and politics. His politics are his own affair. 6. use of intrigue or strategy in obtaining any position of power or control, as in business, university, etc. 7. (initial capital letter, italics) a treatise (4th century b.c.) by Aristotle, dealing with the structure, organization, and administration of the state, especially the city-state as known in ancient Greece. Quote: adjective 1. of, relating to, or concerned with politics : political writers. 2. of, relating to, or connected with a political party: a political campaign. 3. exercising or seeking power in the governmental or public affairs of a state, municipality, etc.: a political machine; a political boss. 4. of, relating to, or involving the state or its government: a political offense. 5. having a definite policy or system of government: a political community. 6. of or relating to citizens: political rights. Quote: I reckon politics is about policy outcomes more then policy discussion or lobbying. The actual making of decisions and writing the wording of the policy. I think that is inherently going to create division - but I'm not suggesting that's what the CAG is about or anything, just reflecting on how I see politics. There are heaps of things the community needs action on!!!! So still reflecting on politics, the reason things require written rules is usually because people disagree and something needs to be laid out for everyone to follow - usually a compromise, but often more about strategy towards sustainable growth. I guess the only angle I'd be interested in is if it was that pure middle way approach, defining the fence so other people can decide where they sit, base diplomacy of determining the spectrum of rational thought and designing a position which takes the most inclusive yet functional mechanism as a balanced position. Though the results would often not be related to the Jedi way I'd imagine, but it could be seen as a service of the Jedi way, if that makes any sense. If it did align, then I guess the policy discussion could be taken to the next level and become policy production and subsequent lobbying. I think it was Benjamin Franklin who said 'people will either govern themselves or choose to be governed'. Laws/rules are just a methodology of doing that. Notice many semi-sentient species work just fine without laws/rules. The Jedi Way in its strictest form tends to advocate not becoming involved in national/international government except as counselors and guides. However given Rosalyn's groups focus on internal government, that certainly does apply for Jedi, except that as an independent group, it might have some difficulty with that. Quote: One thing I dislike about politics where I live is the uninformed lobbying - basically cheerleading of supported, and bullying of opposition parties. So if instead the intention is to focus on lobbying for the opinion of a group of Jedi, then its not so much my thing as I tend to think often the better outcomes are more often the less popular ones - 'gasp', I do though defer to the diplomatic mechanism Hehehe. There's good and bad in all things. Science, for example, can be used to advance our knowledge and improve quality of life, or it can be used to mutate, deform, etc. The same is true of politics-you get the people who work for mutual self-growth, and then you get those who use politics and government for there own ends.
    • Stupidity as a religion... (Last post by OB1Shinobi)
    • "im not just the president, im also a client" another issue this will affect is bathroom choice for transgenders this is why being offended is not an apporopriate justification for social regulation because it cuts all ways and it never ends we all suffer eventually everything offends someone
    • Doctrine Of The Order - Italian Version (Dottrina ... (Last post by Malmu89)
    • Traduzione e adattamento della pagina: www.templeofthejediorder.org/doctrine-of-the-order DOTTRINA DELL’ORDINE Il Jedismo è una religione basata sull’osservazione della Forza, un potere onnipresente e metafisico che uno Jedi (un seguace di Jedismo) crede che sia la natura sottostante e fondamentale dell’Universo. Il Jedismo trova le sue radici nelle filosofie simili a quelle presentate nel film di fantascienza chiamato “Star Wars - Guerre Stellari”. È una religione in sé e per sé. La religione Jedi è un’ispirazione e un modo di vivere per molte persone in tutto il mondo che assumono il nome Jedi. Gli Jedi applicano i principi, gli ideali, le filosofie e gli insegnamenti del Jedismo in modo pratico nella loro vita. Un vero Jedi non adora George Lucas e Star Wars o altre cose del genere. Il Jedismo non è basato sul film e sulla narrativa ad esso collegato, ma accettiamo miti come mezzi a volte più pratici e veloci per trasmettere filosofie applicabili alla vita reale. I JEDI CREDONO - Nella Forza, e nel valore intrinseco di tutta la vita al suo interno. - Nella sacralità umana. Siamo contrari all’uso della tortura e punizione crudele o inusuali, compresa la pena di morte. - In una società governata da leggi fondate dalla ragione e dalla compassione, non dalla paura e dal pregiudizio. - In una società che non discrimina sulla base dell’orientamento sessuale o circostanze della nascita, come il sesso, l’etnia e l’origine nazionale. - Nel etica della reciprocità, e come i concetti morali non sono assoluti, ma variano in base alla cultura, la religione e nel tempo. - Nel influenza positiva della crescita spirituale e la consapevolezza sulla società. - Nel importanza della libertà di coscienza e di autodeterminazione entro le strutture religiose e politiche. - Nella separazione tra religione e governo e le libertà di parola, di associazione e di espressione. I TRE PRINCIPI Focalizzazione (Concentrazione) Conoscenza Saggezza Se utilizzati correttamente, i principi Jedi ci permettono di migliorare noi stessi e superare ogni ostacolo. Ci aiutano a migliorare il mondo intorno a noi e realizzare il nostro scopo nella vita come uno Jedi. La Saggezza è la corretta applicazione della conoscenza e delle esperienza maturate attraverso pazienza e buon senso. La Conoscenza può essere acquisita concentrandosi sul compito in questione. La Focalizzazione è l’arte di minimizzare le cose irrilevanti e di concentrare la vostra mente in quello che stai facendo (nelle cose più importanti). IL CODICE Il Codice Jedi è originato da due versioni, che non sono altro che due modi di interpretare lo stesso insegnamento. Emozione, ma la pace. Ignoranza, ma la conoscenza. Passione, ma la serenità. Caos, ma l'armonia. Morte, ma la Forza. Codice ortodosso: Non c'è emozione; c'è pace. Non c'è ignoranza; c'è conoscenza. Non c'è passione; c'è serenità. Non c'è caos: c'è armonia. Non c'è morte; c’è la Forza. IL CREDO Io sono uno Jedi, uno strumento di pace; Dove c'è odio porterò l'Amore; Dove c’è offesa, il Perdono; Dove c'è dubbio, la Fede; Dove c'è disperazione, la Speranza; Dove c'è oscurità, la Luce; E dove c'è tristezza, la Gioia. Io sono uno Jedi. Non potrò mai chiedere così tanto di essere consolato quanto di consolare; Di essere compreso quanto di comprendere; Di essere amato quanto di amare; Perché è nel dare che si riceve; È nel perdonare che si è perdonati; Ed è morendo che si risuscita a vita eterna. La Forza è sempre con me, perché io sono uno Jedi. I 16 INSEGNAMENTI 1. Gli Jedi sono in contatto con la Forza. Siamo aperti alla consapevolezza spirituale e manteniamo la nostra mente in sintonia con la bellezza del mondo. Stiamo sempre imparando e apriamo la nostra mente a esperienze e conoscenze di noi stessi e degli altri. 2. Gli Jedi mantengono una mente chiara; che può essere raggiunto attraverso la meditazione e la contemplazione. La nostra mente può diventare eccessivamente turbata e preoccupata con gli avvenimenti del mondo. Dobbiamo lavorare per superare i nostri problemi individuali attraverso la formazione e la diligenza. 3. Gli Jedi sono consapevoli delle conseguenze (impatti futuri) delle azioni (e delle omissioni) e sono consapevoli dell' influenza che ha il passato, ma vivono e si concentrano sul presente. Ci lasciamo andare come l’acqua attraverso gli eventi intorno a noi. Accettiamo il mondo che è in continua evoluzione, adattandoci e modificandoci allo stesso tempo. 4. Gli Jedi sono cauti nell’attaccamento, sia materiale che personale. L’ossessione per i possedimenti (averi) e le persone crea la paura di perdere quei beni e rapporti che possono causarci stati di depressione e di perdita. 5. Gli Jedi capiscono che il benessere consiste dentro il fisico, nella mente e nello spirito. Uno Jedi si allena ogni giorno per assicurarsi che rimangano capaci di svolgere i loro compiti al meglio delle loro capacità. Tutto questo è interconnesso ed è una parte essenziale della nostra formazione per diventare più armoniosi con la forza. 6. Gli Jedi usano le loro abilità al meglio della loro capacità. Non usiamo la nostra conoscenza e abilità per vantarci o essere orgogliosi. Siamo consapevoli dell’io e consapevoli delle nostre azioni, esercitando saggezza e l’umiltà. 7. Gli Jedi comprendono i loro limiti. Riconosciamo, e ci assumiamo la responsabilità per i nostri fallimenti. Rispettiamo il diritto che altri possano essere in disaccordo con noi e sappiamo che anche loro non sono perfetti. 8. Gli Jedi sono pazienti. Lavoriamo sulla nostra formazione per non far precipitare gli eventi intorno a noi. Sappiamo che diventare uno Jedi è un impegno lungo e difficile e richiede molta dedizione e un impegno molto rigoroso. Gli Jedi si allenano ad agire con un stato coscienzioso di calma. 9. Gli Jedi sono moralmente integri. Siamo autentici a ciò in cui crediamo e siamo aperti, onesti e fedeli al nostro scopo e la nostra mente. Rimuoviamo tutte le maschere per rivelare noi stessi come coraggiosi e nobili di cuore. Non ci nascondiamo per la paura di danni alla nostra immagine, perché sappiamo che la nostra immagine non può essere intaccata dalle parole e dalle azioni degli altri. 10. Gli Jedi servono in molti modi. Ogni azione eseguita, non importa il grado, influenza il mondo. Con questo in mente i Jedi eseguono ogni azione con la pace, la cura, l’amore, la compassione e l’umiltà. Quindi gli Jedi migliorano il Mondo con ogni singolo atto che volgono. 11. Gli Jedi sono consapevoli dei loro pensieri. Riconosciamo la bellezza negli altri e offriamo aiuto a chi lo cerca. Attraverso le nostre azioni caritatevoli rafforziamo non solo noi, ma anche le nostre Comunità. Gli Jedi agiscono senza pregiudizi. 12. Gli Jedi credono che l’amore e la compassione siano fondamentali per la loro vita. Dobbiamo amare e prenderci cura di tutti come dobbiamo amare e prenderci cura di noi stessi: in questo modo avvolgiamo tutta la vita nella positività delle nostre azioni e dei nostri pensieri. Siamo fornitori e fari di speranza. 13. Gli Jedi sono empatici. Cerchiamo di vedere le cose dal punto di vista dell’altro, rendendoci ascoltatori sensibili. Forniamo la sicurezza di cui una persona ha bisogno quando parla delle sue difficoltà e condividiamo le nostre conoscenze con le persone che ne potrebbero beneficiare. Facciamo questo per creare una società più armoniosa. 14. Gli Jedi sono guardiano della pace. Crediamo nell’aiutare tutti quelli che ne hanno bisogno, in qualsiasi forma, e al meglio delle nostre capacità. Siamo consapevoli che a volte fornire aiuto richiede il coraggio di far fronte alle avversità, ma sappiamo che il conflitto si risolve attraverso la pace, l’accordo e l’armonia. 15. Gli Jedi credono nella vita eterna attraverso la Forza. Non siamo in lutto per quelli che muoiono. Possiamo essere addolorati della loro fine, ma siamo contenti, sapendo che saranno per sempre parte della Forza e quindi sempre una parte di noi. 16. Gli Jedi si impegnano per la loro causa e per l’umanità. I nostri ideali, le filosofie e le pratiche definiscono il Jedismo a agiamo su questa strada per migliorare noi stessi e per aiutare gli altri. Siamo sia i testimoni che i protettori del Jedismo attraverso la pratica delle nostre convinzioni. LE 21 MASSIME Bravura: Per cercare l’eccellenza in tutte le attività di uno Jedi. Uno Jedi si impegna ad acquisire un’abilità e una competenza più forte in quello che fa in ogni momento, in modo che possa essere utilizzato nel modo migliore e non per lucro personale. Questo richiede la disciplina, pazienza e pratica perfetta. Giustizia: Per cercare sempre la strada ‘giusta’. Uno Jedi è libero da pregiudizi o da interessi personali. La giustizia è un arma a doppio taglio, che protegge i deboli, ma che emette anche sentenze (giudizi) in accordo ad un insieme di valori. Uno Jedi tollera ciò che non è Jedi e non giudica ciò che provoca alcun danno perché è imparziale. Devozione: Aver fede nei vostri fratelli e sorelle Jedi. Uno Jedi rimane fedele a quello che hanno imparato e ai loro insegnamenti. Uno Jedi serve (aiuta, insegna) sempre quelli che desiderano saperne di più sulla Forza e in tal modo, rimangono fedeli al modo del Jedismo e del loro Ordine. Difesa: Per difendere il Jedismo. Un Jedi giura di difendere la sua fede e tutto ciò che include. Coraggio: Per avere la volontà. Essere uno Jedi a volte vuol dire scegliere la strada più difficile, quella che richiede molto di te. Uno Jedi sa che deve fare la scelta giusta, che deve fare l’atto giusto e che i deboli che ha giurato di difendere spesso sono da soli. Uno Jedi mette da parte la paura, il rimpianto, e l’incertezza, ma riconosce la differenza tra il coraggio e la pura stupidità. Fede: Fidarsi della via della Forza. Anche se le vie della Forza possono sembrare strane a volte, uno Jedi sa sempre dove si trova e conosce il loro ruolo al suo interno. Umiltà: Accettare l'Io per quello che è. Uno Jedi non si vanta dei suoi successi e sa che la sua realizzazione è la propria ricompensa. Assenza di paura: non avere limiti autoimposti. La paura è quella che impedisce a uno Jedi di realizzare il suo dovere. Uno Jedi impara a lasciar andare le sue paure attraverso la fede nella Forza e non ha vergogna ad ammettere le sue carenze e debolezze quando si verificano. Nobiltà: Agire con onore. Uno Jedi non s’impegna in attività insignificanti, cattive o discutibili. Agire con "statura" e distinzione influenza gli altri, e offre un esempio convincente di cosa può essere raggiunto seguendo il Jedismo. Onestà: Evitare di mentire. Gli Jedi sono onesti con se stessi e cercano di vedere sempre oltre le apparenze. L’onestà personale non può esistere senza la conoscenza e la saggezza di vedere la verità. Motivo puro: Agire con un motivo e uno scopo. Senza un motivo e uno scopo, l'azione non ha alcun significato, nessuna destinazione e manca di un fondamento. Uno Jedi si muove con la Forza, e si fida nei suoi modi. Le azioni di uno Jedi si basano saldamente su una motivazione profonda per essere come il loro percorso impone. Disciplina: Diventare l’unico padrone di sé. La mente di un Jedi è strutturata, pacifica, e non è mossa dalle emozioni, dallo stato fisico o dagli stimoli esterni. Focalizzare: Scegliere quello che importa di più. Uno Jedi si focalizza sull' impegno che ha "in mano". Anche se uno Jedi è conscio del passato, è diffidente dell’impatto che il presente ha sul futuro; attraverso la disciplina sa come scegliere e concentrarsi sulle priorità. Discrezione: Per diventare invisibili. Uno Jedi sa che c’è un tempo e un posto per ogni cosa. Non interferiscono attivamente negli affari mondani e si astengano dal favorire o dall'opporsi apertamente ad altri individui o organizzazioni. Meditazione: Per esercitare la mente. Con la meditazione gli Jedi esaminano le loro motivazioni, e sono sicuri che non stanno permettendo all’emozione, all’ignoranza, o alla passione di intromettersi. La Meditazione può essere utilizzata da uno Jedi per migliorare la sua consapevolezza, la sua focalizzazione, o la sua pazienza. Formazione: Conoscere la propria ignoranza. Uno Jedi sa che c’è sempre qualcosa da imparare e cerca nuove lezioni ogni giorno. Integrità: Essere coerenti. Uno Jedi vive come uno Jedi in ogni momento. L’ipocrisia è il suo peggior nemico. Moralità: per conoscere il pericolo della fede. Uno Jedi sa come le errate credenze di cos’è giusto e sbagliato possano portare a reati e a conflitti devastanti. Uno Jedi si allontana dalle opinioni soggettive in favore dell'oggettività. Uno Jedi non impone i propri valori agli altri. Conflitto: Sapere quando bisogna combattere. Uno Jedi conosce la natura conflittuale della Forza, e conosce anche la sua pace e serenità. Uno Jedi non entra mai ciecamente in un conflitto, e lo fa sempre per il bene più grande. Intervento: Sapere quando non è necessario agire. Uno Jedi sa che l’inattività può avere un impatto grande quanto l’azione, e sa che alcune delle più grandi lezioni sono autodidatte. Si vince anche quando ottieni la vittoria di quelli che proteggi. Uno Jedi interviene solo quando è richiesto l'intervento di uno Jedi. Armonia: Essere collegato alla Forza. Uno Jedi cerca di vivere in armonia con la Forza, perché è questa la ragione di essere Jedi. Conoscere meglio i suoi modi/vie (della Forza) vuol dire conoscere meglio (ci permette di conoscere meglio) il proprio posto all'interno della Forza.
    • Changes to Simple Oath Wording (Last post by Akkarin)
    • On behalf of the Council and the KNights of the Temple of the Jedi Order. This is to announce that after changes to the Simple Oath outlined here, the wording of the Simple Oath is also to be changed from the current version: Quote: I profess before all my fellow Jedi that I, [name] born on [dd/mm/yy], without reservation, choose the Jedi path, until I am ready for Jedi Knighthood or I otherwise decide, with all its duties and responsibilities. I shall do that which is right and profess my allegiance to the Force. During that time I promise to do my utmost to uphold the Jedi teachings, and to live a life as is worthy of a Jedi." To this new version: Quote: "I profess before all my fellow Jedi that I, [name] born [dd/mm/yy], without reservation, choose the Jedi path with all its duties and responsibilities. I promise to uphold the Jedi teachings, and to live a life worthy of a Jedi." This change will come into effect from the 1st June 2015. After 1st June 2015 all Simple Oaths that are taken should be in this new form. Any Oaths of the current form that are taken before 1st June 2015 will be equally valid and recognised. This new oath was selected, by vote, by the Knights of the Temple after receiving the highest number of votes out of three possible choices. The main difference between these two oaths is that the new one removes the "until I otherwise decide" thus making it more binding than before. The Oath should be taken after due consideration and contemplation and with the taking of the Simple Oath now only required after one completes the Initiates Programme those taking it will be better informed of what the Jedi Path is and how we teach it at the Temple. No oath that is currently valid will become invalid after the change, though of course people are welcome to retake the oath if they wish, but people who have never taken the oath will only be required to take it in this new form after the 1st June 2015. May the Force be with you, Always
    • Temple Of The Jedi Order: Church Of Jediism - Ital... (Last post by Malmu89)
    • Traduzione e adattamento della pagina: www.templeofthejediorder.org/40-informat...er-church-of-jediism Questa non è una comunità di fans/giocatori di ruolo di Star Wars, ma una Chiesa con una vera e propria Religione, chiamata Jedismo. Gli Jedi iscritti in questo sito non sono gli stessi di quelli ritratti nei film di Star Wars; Gli Jedi ritratti nei film di Star Wars sono personaggi di fantasia che esistono solo all'interno dell'universo letterario e cinematografico. Gli Jedi di cui si discute in questo sito, invece, sono persone reali, di questo mondo, che vivono o hanno vissuto la loro vita secondo i Principi del Jedismo, la vera Religione Jedi. I seguaci Jedi, i Ministri e i Leader, abbracciano il Jedismo e credono veramente e profondamente nei suoi insegnamenti. Il Jedismo non si focalizza sul mito e sulla finzione cinematografica di Star Wars, ma sulle questioni della vita reale e filosofiche che sono alla base del mito di Star Wars (la vera fonte del mito). Se vuoi diventare uno Jedi, se sei in cerca di una formazione o se sei solo interessato a conoscere e discutere sulla Forza, siamo qui per te. Noi crediamo nella Pace, nella Giustizia, nell'Amore, nell'Apprendimento/Formazione e nella Benevolenza: E' improbabile che questo sia in conflitto con altre religioni, credenze e tradizioni. Uno Jedi del Tempio dell'Ordine Jedi (TOTJO) segue la nostra Dottrina, anche se tutti sono invitati a registrarsi e partecipare come ospiti. Se desideri diventare un Membro ti preghiamo di Registrarti e di seguire la Procedura/Istruzioni. Se desideri continuare (o iniziare) la tua comprensione del Sentiero Jedi allora puoi iniziare il Programma di Iniziazione. - - - - - - - - - - - - - - - I CREDI JEDI - - - - - - - - - - - - - - - Gli Jedi credono: - Nella Forza e nel valore intrinseco di tutta la vita al suo interno; - Nella Sacralità di una persona Umana. Ci opponiamo all'uso della tortura e alle punizioni inusuali e crudeli, inclusa la pena di morte; - In una Società governata e fondata da Leggi ispirate dalla Ragione e dalla Compassione, e non dalla Paura e dai Pregiudizi!; - In una Società che NON DISCRIMININA sulla base dell'Orientamento Sessuale, o dalle circostanze della nascita come il sesso, l'etnia o l'origina nazionale; - Nell'Etica della Reciprocità, e di come i concetti morali non sono assoluti, ma variano in base alla cultura, alla religione e col passare del tempo; - Nell'influenza positiva che ha la crescita spirituale e la sua consapevolezza nella società; - Nell'importanza della libertà di coscienza e di autodeterminazione all'interno della religione, della politica e delle altre strutture; - Nella SEPARAZIONE tra Religione e Governo e nella libertà di parola, di espressione e di associazione. CHE LA FORZA SIA CON TE! - Tempio Jedi -
    • Making of a Jedi Warrior (Last post by OB1Shinobi)
    • a common translation of JUSTU is technique a common translation of DO is way ju is basically translated as gentle and aiki is translated as harmony so ju jutsu would be the techniques of gentleness and ju do would be the Way of gentleness aiki jutsu are the techniues of harmony and aiki do the Way of harmony the important distinction here is not about which style to train in one may walk a JUTSU path with WAY mentality or study a DO system with a TECHNIQUE perspective the importance is in understanding the distinction between the ideas and the function that each serves in the development of the warrior archetype to be good with a rifle or with a scalpel is a soldiers skill or a surgeons skill these are the JUTSU of a soldier or a surgeon and represent types of personal excellence to be fully commited to the development of ones skills and to being of the greatest service to ones field and through ones field, society or the rest of the world these represent the Do or the Way and are matters of personal character character in and of itself represents a type of skill and will invariable lead to the development of further skills skill by itself only perpetuates itself so the foundations of a solid warrior are first and foremost issues of character each individual has a unique blend of natural talent/potential and developed skill/competence in any given area the bridge between the two is character character is a result of commitment to excellence and respect for essential human dignity in the long run, the most effective people - in or out of the military - are the ones with the greatest commitment and the finest character it is an honor to follow a person of exceptional character, whatever the occupational field and it is shameful to follow a person of low character under any circumstances so the Way of the warrior is to cultivate personal character and dignity and the Jutsu of the warrior is to cultivate personal excellence and competence it is the love of dignity which translates these into the actual WARRIOR ethos because neither skill nor character per se result in courage but when character is infused with dignity it will not back down or give in to that which assaults dignity this is the type of courage that changes the world Dr King is an example of a totally non violent interpretation of the warrior archetype what made him remarkable is that he had that blend of character and competence and love of dignity he was not at war with anyone or anything- to think he was at war with racism or "the system" is to misunderstand his was a warriors mission of empowerment the kind of empowerment that only comes from the love of dignity

There are 229 visitors, 8 guests and 25 members online (none in chat): Daniel L., Br. John, Shadouness, Jestor, Jedi_Roz, Joe, Adder, Adhara, Proteus, Alexandre Orion, Llama Su, Edan, Wudan, Zenchi, Pyrus Erath, Matsukaze, GalUnDrux, Rocda, Cyan Sarden, Hitira38, Fenton, Ramadeus, Atticus509, The Penguin, Oakenshaw, Mhall, bloodx, Maverick Grey.

Follow Us